Cinque milioni di immigrati regolari - Il portale dell'immigrazione e degli immigrati in Italia - Stranieri in Italia

Attualità
Un milione sono minori. Il Dossier Caritas Migrantes.: "Danno all’Italia più di quanto ricevono"
Paste a VALID AdSense code in Ads Elite Plugin options before activating it.

Roma – 26 ottobre 2010 - Gli immigrati regolari in Italia sfiorano quota 5 milioni, una risorsa che ci si ostina ancora a considerare un problema.

A dare come ogni anno i numeri dell’immigrazione è il Dossier Statistico Immigrazione 2010 di Caritas e Migrantes, presentato oggi a Roma, arrivato ormai alla ventesima edizione. L’Istat all’inizio del 2010 ha contato 4,2 milioni di residenti stranieri, che però secondo il Dossier diventano 4,9 milioni, se si considerano anche tutti i regolari  non ancora registrati nelle anagrafi, in pratica ci sarebbe un immigrato ogni dodici residenti.

I romeni continuano ad essere al comunità più numerosa, circa 890mila residenti, il 21% degli immigrati, seguiti da albanesi (470mila, 11%), marocchini (430mila, 10,2%), cinesi (190mila, 4,4%) e ucraini (170mila, 4,1%). La Lombardia accoglie un quinto dei residenti stranieri (982.225, 23,2%), poco più di un decimo vive nel Lazio (497.940, 11,8%), seguono Veneto (480.616, 11,3%) e Emilia Romagna (461.321, 10,9%).

La spia più chiara che l’immigrazione è sempre più stabile sono i minori: in tutto quasi un milione, oltre la metà dei quali nati in Italia. I figli degli immigrati a scuola sono 670mila, il 7,5% della popolazione scolastica. Numeri, questi, che denunciano anche l’urgenza  di cambiare le regole per diventare italiani.

È straniero circa il 10% dei lavoratori dipendenti,  e ha un titolare straniero il 3,5% delle imprese, percentuale che sale al 7,2% se si considerano solo le imprese artigiane.  La crisi economica ha colpito duramente i lavoratori stranieri: il tasso di occupazione, tra il 2008 e il 209, è passato dal 67,1% al 64,5%, quello di disoccupazione è salito dall’8,5% all’11,2%.

Alla luce degli effetti della crisi, sottolinea il Dossier, bisogna però  chiedersi se gli immigrati, che contribuiscono alla produzione del Pil per l’11,1%, siano il problema o non piuttosto un contributo per la  sua soluzione.

Paste a VALID AdSense code in Ads Elite Plugin options before activating it.

Senza lavoratori stranieri, agricoltura, edilizia, industria, assistenza familiare e tanti altri settori non più appetibili per gli italiani non potrebbero andare avanti. Il Dossier ha poi calcolato che gli immigrati versano nelle casse pubbliche, tra contributi previdenziali e tasse, 11 miliardi di euro l’anno, più di quanto ricevono in prestazioni sociali e servizi, 10 miliardi.

Lo scorso anno la ricerca Transatlantic Trends ha evidenziato che metà dei nordamericani e degli europei, italiani compresi, vedono  l’immigrazione come un problema. Si può inquadrare in questo modo, chiede il Dossier, una realtà della quale si ha bisogno?

Scarica
La sintesi del Dossier Statistico Immigrazione 2010

 

Il video: 

embed video plugin powered by Union Development