Pubblicato il decreto flussi 2017, calendario delle domande - Il portale dell'immigrazione e degli immigrati in Italia - Stranieri in Italia

Attualità

Partenza scaglionata. Prima compilazioni e invii per ingressi non stagionali e conversioni dei permessi, poi toccherà ai lavoratori stagionali. Non è una regolarizzazione

 

Roma - 13 marzo 2017 - È stato pubblicato oggi in Gazzetta Ufficiale il decreto flussi 2017. Autorizza complessivamente 30850 ingressi per lavoro e conversioni di permessi di soggiorno ed è stato già fissato il calendario delle domande, che andranno preparate e presentate come sempre attraverso il  sito del ministero dell'Interno https//:nullaostalavoro.dlci.interno.it

Da domani 14 marzo, dopo essersi registrati sul sito, si potranno compilare le domande per gli ingressi non stagionali e per le conversioni dei permessi di soggiorno. Terminata la compilazione andranno salvate, perchè potranno essere spedite solo a partire dalle ore 9.00 del 20 marzo. Dal 21 marzo, sullo stesso sito, si potranno preparare invece le domande far arrivare in Italia e assumere lavoratori stagionali, ma gli invii saranno possibili solo a  partire dalle ore 9.00 dal  28 marzo.

Per tutte le tipologie di ingressi e conversioni, sarà possibile presentare le domande fino al 31 dicembre 2017. Le quote saranno assegnate secondo l'ordine di trattazione delle domande, che a sua volta seguirà l'ordine di invio. Premesso ciò, è comunque difficile che le quote vadano subito esaurite, perchè anche alla luce di quello che è successo negli scorsi anni paiono più che sufficienti a esaudire tutte le richieste. 

Conviene ribadire che questa non è una regolarizzazione e la tipologia molto di quote non consente di sfruttarle per dare un permesso a chi è già in Italia impiegato in nero, ad esempio come colf, badante o operaio. Qui trovate il testo del decreto flussi 2017 (DPCM 13 febbraio 2017 Programmazione transitoria dei flussi d’ingresso dei lavoratori non comunitari nel territorio dello Stato per l’anno 2017), la suddivisione delle quote e le spiegazioni dei ministeri dell’Interno e del Lavoro.

Stranieriinitalia.it