CASSAZIONE

2007-01-25 16:19

CASSAZIONE:IMMIGRATI;LASTRE FANNO TESTO PER RICONGIUNGIMENTI

ROMA

(ANSA) - ROMA, 25 GEN - La Cassazione convalida le lastre dell' apparato scheletrico (richieste nel procedimento per il visto dalle nostre ambasciate all'estero) come mezzo 'amministrativo' per stabilire l'etł dei giovani extracomunitari dei quali i genitori - in Italia per lavoro - chiedono, tramite sede diplomatica, il ricongiungimento familiare sostenendo che non hanno ancora compiuto i 18 anni. Solo chi non Ć entrato nella maggiore etł puś, infatti, raggiungere il resto della famiglia in base alla nostra legge sull'immigrazione. E capita non di rado che anche i maggiorenni tentino lo stesso - esibendo 'carte false' - di ottenere il via libera per l'Italia. In particolare,la Suprema Corte ha convalidato la regolaritł della prova dell'etł di Belinda A. (una ragazza del Ghana i cui certificati africani attestavano che non aveva piŁ di 18 anni) desunta dalla 'densitometria ossea' che le attribuiva, invece, 25 anni. Contro l'accertamento radiologico, per il quale la nostra ambasciata di Accra aveva negato il visto a Belinda, la madre della giovane - Doris T. residente in Veneto - ha fatto ricorso in Cassazione sostenendo che bisognava credere ai certificati ghanesi piuttosto che alle lastre eseguite per di piŁ in un laboratorio privato in assenza di contraddittorio. La Cassazione - sentenza 1656 - le ha risposto che la certificazione di un paese straniero ha valore solo in quel paese, non per l'Italia, "sicchÄ deve ritenersi consentito alle rappresentanze consolari italiane di procedere agli accertamenti amministrativi necessari, al fine di stabilire l' effettiva etł di coloro che richiedono il visto di ingresso nel nostro paese". "Fra tali accertamenti - spiegano i supremi giudici - puś dunque essere ricompreso anche l'esame densitometrico osseo, generalmente riconosciuto dalla scienza medica come mezzo idoneo ad accertare l'etł di chi vi si sottopone, atteso anche il suo modesto margine di errore (sei mesi), e i cui esiti sono ovviamente contestabili in sede giudiziaria". In primo grado il Tribunale di Treviso (sede di Castelfranco Veneto) aveva accolto il reclamo di Doris, ma poi la Corte di Appello di Venezia - su reclamo del Ministero degli Esteri - aveva convalidato il 'no' al visto. Doris ha potuto far venire in Italia solo il marito Samuel e Patricia, l'altra figlia risultata minorenne alla prova dei raggi.