Permesso di soggiorno per studio. Come rinnovarlo? - Il portale dell'immigrazione e degli immigrati in Italia - Stranieri in Italia

l'esperto risponde

altBuongiorno, sono entrato con un visto per studio e volevo rinnovare il permesso di soggiorno. Come posso fare?

7 giugno 2013 - È possibile rinnovare il permesso di soggiorno per motivo di studio solo se il visto con il quale lo straniero ha fatto l’ingresso in Italia è stato rilasciato per frequentare un corso di studio pluriennale. Inoltre, il permesso di soggiorno non può essere rinnovato per più di tre anni oltre la durata del corso di studi pluriennale. Ciò vuol dire che se lo straniero frequenta una Laurea Triennale, ad esempio, il permesso di soggiorno può essere rinnovato per i 3 anni del corso più 3 anni massimo per finire il medesimo corso.  Si ricorda, però, che allo scadere del termine massimo di rinnovo, anche se lo studente non ha terminato gli studi, non può comunque rinnovare il soggiorno per la stessa motivazione.

Per il rinnovo del soggiorno lo straniero deve produrre la seguente documentazione:

  • Attestazione del superamento di almeno un esame di profitto per il 1° rinnovo e di almeno 2 esami per i successivi rinnovi, salvo provate cause di forza maggiore.
  • Disponibilità economica: tutta la documentazione che attesta che lo straniero dispone dei mezzi finanziari per sostenere le spese del soggiorno in Italia. Se lo studente lavora regolarmente in Italia, visto che per legge quindi può sottoscrivere un contratto di lavoro che non superi le 20 ore settimanali, cumulabili anche per 52 settimane, e comunque non più di 1040 ore annuali, dovrà compilare anche il modulo 2 del Mod. 209 del kit e allegare tutta la documentazione relativa al lavoro.
  • Assicurazione sanitaria: I cittadini dei Paesi terzi che sono in Italia con un permesso di soggiorno per motivi di studio non vengono iscritti automaticamente al servizio sanitario nazionale. In base all’art. 34 del d.lgs. 286/98, lo studente stesso dovrà procurarsi una polizza assicurativa valida sul territorio nazionale, con un istituto italiano o estero, che copra il rischio di malattia, infortunio e maternità. Altrimenti possono iscriversi volontariamente al Servizio Sanitario Nazionale versando il contributo richiesto tramite conto corrente postale o F24 individuati dalla Regione o Provincia autonoma dove risultino residenti o dimoranti.

Si ricorda, infine, che gli studenti stranieri che sono in possesso di un permesso di soggiorno per motivi di studio (o di formazione professionale), ancora in corso di validità, possono richiedere la conversione del permesso di soggiorno in soggiorno per motivi di lavoro, dimostrando di essere in possesso dei requisiti richiesti dalla norma per la tipologia del lavoro svolto.


D.ssa Maria Elena Arguello